Vi riportiamo una notizia di cronaca che si sente sempre più spesso:

Furti in casa: sgominata banda internazionale, 57 arresti. La banda, composta perlopiù da georgiani, usava badanti dell’est europeo come talpe per individuare gli appartamenti da ripulire. Inchiesta partita da Roma. Selezionavano le case da svuotare a colpo sicuro grazie alle informazioni ricevute da una fitta rete di badanti di origine est-europea. E per entrare utilizzavano la tecnica del key-bumping o più comunemente chiamato grimaldello bulgaro: inserivano una chiave limata nel cilindro, quindi la colpivano con forza con un martello, facendo scattare la serratura senza lasciare segni di scasso.. I carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno smantellato una banda specializzata in furti in appartamento, composta per lo più da georgiani, operante in Italia e in diversi paesi europei, tra i quali Grecia, Spagna, Germania, Francia, Austria, Russia, Georgia e Moldavia.
L’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma su richiesta della procura della capitale riguarda 57 persone. Nel corso dell’indagine i militari dell’Arma avevano già arrestato in flagranza di reato ben 67 persone collegate all’organizzazione, sorprese mentre stavano effettuando furti all’interno di abitazioni nei quartieri romani Parioli, Pinciano, Prati e Talenti. In considerazione della transnazionalità della banda, con basi operative in vari paesi europei, l’indagine è stata sviluppata anche grazie all’apporto fornito da Europol, l’Agenzia europea per la lotta al crimine.
Il grimaldello bulgaro.
È uno strumento che permette di ricostruire il profilo della chiave di una serratura a doppia mappa senza avere la chiave originale e senza smontare la serratura. Una serratura a doppia mappa è composta da un pacco di lamelle (gole) sovrapposte con al centro un intaglio. All’interno dello spazio creato dalle gole sovrapposte, scorre un perno solidale con lo scrocco. Le gole hanno un profilo interno con denti che, a chiave estratta, impediscono il movimento del perno. Inserendo e ruotando la chiave questa allinea le lamelle in modo che i denti delle gole si dispongano lasciando libero un canale centrale nel quale può scorrere il perno. Il grimaldello bulgaro può essere composto da due attrezzi: un tensore e la “chiave morbida” o da un unico attrezzo che integra le funzioni, la “chiave magica”. Il principio è lo stesso: il tensore forza sul carrello della serratura, come fa la chiave quando viene girata, ma il carrello non si muove subito perché le lamelle non sono ancora allineate. È qui che entra in azione la chiave morbida, che ha una geometria compatibile con quella della chiave originale e denti mobili.
Scuotendo leggermente tensore e chiave morbida le vibrazioni muovono i denti mobili fino a far loro assumere la posizione dei denti della chiave originale. Si ottiene in questo modo una metà della chiave a doppia mappa originale, è quindi necessario ripetere l’operazione in modo da ottenere anche la seconda metà. Poi si ha un profilo a doppia mappa completo in grado di aprire e chiudere la serratura.
Come difendersi.
Gli esperti dicono che bisogna installare come serratura il “cilindro europeo”, meglio se di “classe 6”, con 100mila combinazioni e protetto da un ottimo defender, una copertura in acciaio resistente a ogni tentativo di spezzarlo.
Ecco come Funziona, il video:

Il grimaldello bulgaro apre le porte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *